Aeroporto Trapani Birgi, dimissioni di Elena Ferraro dal Cda Airgest. Candiani e Gelarda: “Atto di responsabilità, solidarietà della Lega”

Amministrative 2019 In Primo Piano
“Siamo vicini a Elena Ferraro, dimissionaria dal CdA di Airgest. Consideriamo le dimissioni un grande atto di responsabilità istituzionale, che dovrebbe essere preso ad esempio anche da altri. Sono dimissioni opportune e tempestive, che rispondono alle sollecitazioni della Lega, e aprono una importante riflessione sulla necessità di trovare soluzioni concrete al problema dell’aeroporto di Birgi. Soluzioni che devono tenere nel debito conto Ryanair e che necessitano del massimo allargamento di competenze. È essenziale intervenire subito, anche in relazione allo stato di evidente affanno che interessa il consiglio di amministrazione sulla gestione del bando di co-marketing”.
Lo dichiarano il senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno e commissario della Lega in Sicilia, e Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali.
“La Lega non cerca poltrone, ne vuole indicare persone – aggiungono Candiani e Gelarda – . Vogliamo invece soluzioni tempestive ad un problema che riguarda la provincia di Trapani ed un comparto, quello turistico, tanto strategico per la Sicilia. Per queste soluzioni siamo disponibili a spenderci a fianco del presidente Musumeci. Come già comunicato al governatore, la Lega è disponibile ad aprire tutte le interlocuzioni tecniche necessarie per contribuire alla risoluzione del problema, perché prima di tutto vengono i cittadini e gli operatori di Trapani che sono in un momento molto difficile.
“Anche se la prossima stagione estiva è ormai molto compromessa, in quanto le compagnie hanno ormai definito i piani, agendo immediatamente siamo ancora in tempo a recuperare la stagione invernale 2019/2020 – aggiungono gli esponenti della Lega – . Ipotesi di accorpamento dell’aeroporto di Trapani con Palermo sono estremamente pericolose ed impraticabili. I tempi tecnici di una fusione tra le sue realtà sono estremamente lunghi, mentre adesso occorrono soluzioni veloci. Le aziende turistiche rischiano di essere trascinate a fondo nelle tempistiche di una trattativa tra i due aeroporti che, per altro – concludono Candiani e Gelarda – non sembra né all’ordine del giorno del comune di Palermo, né facile da attuare in tempi brevi, se non altro per motivi legati alle normative in atto”.
Comunicato Stampa
Condividi con i tuoi amici