Il ministro della Giustizia Bonafede rivendica la sua “massima determinazione” nella lotta alla mafia

Attualità Dall'Italia Dalla Provincia In Primo Piano

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede rivendica la sua “massima determinazione” nella lotta alla mafia, rispondendo al question time. Ma le sue parole sono accolte da brusii in Aula.

“Mi viene chiesto innanzitutto – ha spiegato – se e quali interferenze si siano manifestate sulla nomina di capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria nel 2018. La risposta è molto semplice: nel giugno 2018 non vi fu alcuna interferenza diretta o indiretta, nella nomina del capo Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria”.

“E’ in cantiere un decreto legge che permetterà ai giudici, alla luce del nuovo quadro sanitario, di rivalutare l’attuale persistenza dei presupposti per le scarcerazioni dei detenuti di alta sicurezza e al 41 bis”.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sta studiando una norma che consenta ai magistrati di sorveglianza di rivalutare le scarcerazioni già disposte di boss della criminalità organizzata alla luce del mutato quadro dell’emergenza Coronavirus. Lo si apprende in ambienti di via Arenula. Gran parte delle scarcerazioni sono state disposte per gravi patologie, ma molte ordinanze fanno esplicito riferimento all’emergenza da Covid-19.

Fonte: Ansa.it

Condividi con i tuoi amici