Pescatori sequestrati, il corteo di protesta dei familiari a Roma. L’armatore Marrone: “Speriamo che il Governo possa far finire questo incubo”

In Primo Piano Mazara del Vallo

Da più di 50 giorni sono reclusi in Libia, sequestrati e arrestati dal generale Haftar. Ancora nessuna svolta per la liberazione dei 18 marittimi di Mazara del Vallo. Nonostante gli appelli di familiari e istituzioni, i marinai restano ancora in carcere.

A Roma intanto questa mattina corteo di protesta da parte di alcuni familiari dei marittimi. Da piazza Mazzini fino a Montecitorio il percorso dei familiari dei pescatori che con cartelli e cori hanno chiesto la liberazione dei marittimi.

Tra i familiari come sempre l’armatore Marco Marrone: ” Stiamo facendo una marcia di circa 30 kilometri per sensibilizzare il nostro Governo affinché possa veramente far finire questo nostro incubo LIBERATE I PESCATORI DI MAZARA DEL VALLO”

 

Condividi con i tuoi amici