Prosegue il sit-in davanti Palazzo Chigi da parte di alcuni familiari dei pescatori mazaresi sequestrati in Libia

Sicilia

Prosegue senza sosta il sit-in davanti Palazzo Chigi da parte di alcuni familiari dei pescatori sequestrati e arrestati in Libia. La scorsa notte i familiari dei marinai hanno “manifestato” cercando di mantenere alta l’attenzione su una vicenda delicata.

Anche il presidente della Regione Nello Musumeci è intervenuto chiedendo al governo nazionale di accelerare i tempi per il rilascio dei 18 marittimi di Mazara del Vallo.

Nel corso delle trattative le autorità dirette dal generale Khalifa Haftar hanno chiesto al Governo italiano uno ‘scambio di prigionieri’ con quattro libici condannati in Italia a 30 anni di carcere e tuttora detenuti con l’accusa di essere tra gli scafisti della cosiddetta ‘Strage di Ferragosto’ in cui morirono 49 migranti, in asfissia nella stiva di un’imbarcazione.

 

Condividi con i tuoi amici