Regione, la dirigente dell’Anticorruzione è indagata per peculato

Cronaca e Notizie In Primo Piano Sicilia

Giammanco sotto inchiesta per i compensi degli incarichi da commissaria. Accuse analoghe a Silvia Coscienza, in servizio al dipartimento Rifiuti

Avrebbero intascato compensi che sulla carta non sarebbero spettati loro. Per questo motivo la dirigente generale del dipartimento regionale Funzione pubblica Luciana Giammanco e Silvia Coscienza, in servizio al dipartimento Rifiuti, hanno ricevuto un avviso di conclusione delle indagini con l’accusa di peculato.

L’inchiesta è condotta dal sostituto procuratore Luca Battinieri: secondo l’accusa, Giammanco – che guida l’Anticorruzione alla Regione – e Coscienza non avrebbero restituito i compensi aggiuntivi incassati rispettivamente per gli incarichi di commissaria della Provincia di Trapani e di commissaria dell’Ato Belice Ambiente. La legge prevede infatti che allo stipendio da dirigente non possa essere aggiunto un solo euro per incarichi aggiuntivi di natura pubblica.

I fatti si riferiscono al periodo fra il 2012 e il 2013 per Giammanco e fra il 2013 e il 2014 per Coscienza, in un periodo in cui l’applicazione della norma contestata alle due dirigenti non era chiara. Giammanco è accusata di essersi appropriata della somma complessiva di 25.753 euro per l’incarico di commissario straordinario dell’ex Provincia di Trapani.

(Fonte Repubblica.it)

Condividi con i tuoi amici