Si celebra la giornata per il Seminario Vescovile

Eventi In Primo Piano Mazara del Vallo

DOMANI SI CELEBRA LA GIORNATA PER IL SEMINARIO VESCOVILE
NELLE PARROCCHIE OCCASIONE PER CONOSCERE DI PIÙ IL LUOGO DI FORMAZIONE

Domani (domenica), in tutte le parrocchie, si celebra la Giornata per il Seminario vescovile. Sarà l’occasione per conoscere di più questo luogo di formazione. Attualmente sono cinque i giovani che sono in cammino di discernimento e di formazione per rispondere alla chiamata del Signore nel dono del presbiterato. Due di essi frequentano la Facoltà di Teologia e abitano presso il Seminario di Palermo: Giuseppe Favoroso (IV anno) e Daniele La Porta (I anno), entrambi di Castelvetrano; gli altri tre frequentano il Propedeutico presso la Facoltà di Teologia e abitano nella casa diocesana di Palermo: Giovanni Marino di Marsala, Francesco Ingrande di Mazara del Vallo ed Erasmo Barresi di Castelvetrano. «La condivisione della vita – nella scansione quotidiana della preghiera, degli incontri di formazione, del cibo, dello studio, dei momenti di svago, delle attività pastorali e caritative, e del confronto con educatori, docenti, compagni provenienti da altri seminari – costituisce un’ottima palestra per mettersi in gioco, verificare la propria vocazione e imparare a far proprie le indicazioni della Chiesa sulla figura del presbitero oggi» spiega il rettore del Seminario don Pino Biondo. «Siamo consapevoli che il ritorno settimanale nelle loro famiglie, presso il nostro Seminario diocesano, nelle parrocchie di provenienza o altre, come anche il partecipare agli incontri e ad iniziative diocesane e il contatto con tutto il presbiterio, permette a questi nostri giovani di conservare, sviluppare e perfezionare le relazioni che segnano la loro esistenza, in vista di uno sviluppo e di una crescita matura della personalità, del senso ecclesiale e del senso della fede» è ancora don Biondo.

BIBLIOTECA, MUSEO: IL SEMINARIO POLO CULTURALE – Il Seminario è sede, durante l’anno, di diversi appuntamenti promossi dalla diocesi, dalle parrocchie, dai gruppi ecclesiali. All’interno si svolgono anche molteplici iniziative a carattere culturale promosse dal Museo, dalla Biblioteca, dall’Archivio, dalle scuole o da privati. Oggi il Seminario è un luogo visibile, aperto e al servizio della Chiesa diocesana e della società tutta. Così continuare a essere uno spazio di formazione ma anche luogo di accoglienza e di condivisione. Un gruppo di presbiteri ha scelto, infatti, di condividere la mensa, l’incontro e il confronto fraterno pur nella diversità e nella varietà dell’età, dei servizi e delle responsabilità ecclesiali. «Il Seminario – spiega don Pino Biondo – è un luogo di formazione e non di produzione economica. I ricavi dagli affitti dei locali del piano terra che si affacciano all’esterno e le offerte che pervengono sono insufficienti per le spese necessarie al sostentamento dei nostri giovani nel loro cammino di formazione (tasse scolastiche, vitto, alloggio, viaggi), come anche per la manutenzione dell’edificio». La giornata del Seminario consente di ritornare a rivisitare il senso di questa istituzione, del suo scopo e delle sue finalità.

L’addetto stampa
Max Firreri

Condividi con i tuoi amici